Hair Routine

La magia delle Erbe Ayurvediche

erbe ayurvediche
tempo di lettura 4 min

Eccomi nel mio 15° giorno di quarantena, con una fumante tazza di tisana davanti, questa quarantena che ha stravolto le nostre vite e le nostre abitudini.

Ti scrivo perché oggi ho deciso di parlarti di uno dei miei metodi preferiti per prendermi cura dei capelli.

Come? Con le Erbe Ayurvediche!!!

La quarantena ci costringe a trascorrere la nostra intera giornata a casa, questo non vuol dire oziare dal divano al letto in pigiama tutto il giorno…

per me si traduce in più tempo da dedicare a tutti quei rituali che durante la vita “normale” tendo a trascurare per mancanza di tempo.

Avevo una confezione di hennè nell’armadio da mesi, che aspettava il suo momento. Quale miglior momento se non una fredda e piovosa giornata di Marzo?!

Ho preso la mia scodella, ho acceso Instagram e nelle stories ho fatto il mio pappone. Mi sono arrivate tante domande sulle erbette così eccomi qui.

Oggi ti voglio parlare della magia delle Erbe Ayurvediche.

Ma cosa sono queste erbette?

Le erbe ayurvediche vengono utilizzate sin dall’antichità dalle donne indiane per rendere i capelli luminosi e robusti. Hanno proprietà rinforzanti, stimolano la crescita, illuminano e riequilibrano il sebo. Sono un vero e proprio elisir di bellezza.

La più famosa delle erbe è senza dubbio la Lawsonia Inermis, comunemente chiamata Hennè Rosso. Ha un elevato potere tintorio ed è l’unica che in purezza riesce a coprire i capelli bianchi.  A lei si aggiungono gli amici Indigo e Katam che se mescolati alla preparazione (o come secondo passaggio) dell’hennè regalano un color castano.

Il discorso sulle erbe tintorie è molto lungo, lo affronteremo in un altro articolo.

Oggi voglio farti conoscere tutte le erbette non tintorie ma dalle innumerevoli proprietà.

 

Le mie erbette preferite

  • Cassia (detto anche hennè neutro o hennè biondo). Una delle erbette più amate di sempre. Minimizzata i danni causati dai trattamenti chimici, rinforza e volumizza. Ha un leggerissimo potere schiarente regalando dei giochi di luce (da non utilizzare mai su capelli decolorati).
  • Shikakai definita anche Frutto per Capelli. Astringente, aiuta a riequilibrare il sebo lasciando il cuoio capelluto fresco e pulito, rafforza le radici dei capelli ed è un’alleata per ridurre la forfora. E’ un’erbetta lavante che si può utilizzare per sostituire lo shampoo.
  • Methi. Una delle erbe più amate quanto odiate. Difficile da preparare per le meno esperte e con un odore poco gradito a molte. I suoi benefici sono innumerevoli grazie all’alta percentuale di mucillagini contenute che la rendono un’erbetta idratante. Rende i capelli voluminosi e setosi. Anche il Methi rinforza e riduce la caduta.
  • Sidr. Volumizza e rinforza. Protegge dagli agenti esterni quali smog, vento, agenti chimici grazie al suo potere di stratificazione che lo rende un ottimo alleato per irrobustire il fusto. Ha anche proprietà condizionati, lascia i capelli ben disciplinati.
  • Baheda. Una delle erbette che più consiglio a chi ha problemi di fragilità ed eccessiva caduta. Ricca di nutrienti che promuovono la crescita dei capelli lasciandoli morbidi, forti e sani.
  • Kachur Sugandhi. Erbetta dal potere lavante, utilissima per chi soffre di forfora e per chi vuole irrobustire e volumizzare.

 

L’elenco potrebbe durare all’infinito ma oggi voglio solo iniziarti a questa “magia” con le erbette per me più funzionali.

Si preparano quasi tutte allo stesso modo, mescolando la polvere delle erbette con acqua molto calda fino al raggiungimento di un composto simile allo yogurt. Discorso diverso per il Methi che ha bisogno di idratarsi per 12h.

Tutte le erbette possono essere utilizzate da sole ma per un vero effetto Wow usale in sinergia tra loro.

Per la preparazione delle erbette preferisci sempre contenitori e mestoli in plastica o legno!

Le erbe ayurvediche vanno benissimo per tutti i tipi di capelli, lisci o ricci. Se sei bionda o se hai i capelli tinti e trattati però chiedi sempre consiglio.

I miei impacchi preferiti

Ti scrivo qui di seguito 2 ricette che faccio spesso per prendermi cura dei capelli.

> Maschera riflessante&rinforzante

Mescolo insieme Cassia, Sidr, Shikakai e Hennè Rosso e aggiungo acqua calda (con le quantità vado un pò ad occhio, orientativamente un cucchiaio di tutti e un cucchiaino di hennè rosso). Una volta ottenuto un bel composto liscio aggiungo un cucchiaio abbondante della mia maschera preferita o del mio balsamo. Applico il composto sui capelli bagnati e strizzati dopo aver fatto lo shampoo, metto una cuffietta e lascio in posa circa 20/30min. Risciacquo.

Con questa maschera i miei capelli sono luminosissimi e i miei riflessi caldo/ramati  si sprigionano.

n.b se sei bionda e non vuoi i riflessi rame elimina l’hennè rosso.

> Maschera schiarente&illuminante

Mescola la cassia con il succo di mezzo limone, la camomilla, un cucchiaino di miele. Una volta ottenuto un composto cremoso copri e lascia riposare 12h. In questo lasso di tempo la cassia tirerà fuori il suo pigmento biondo. Applicalo sui capelli asciutti e puliti. Lascia in posa 1/2h e poi risciacqua con sola acqua, applica una nocciolina di balsamo.

Questo metodo è utile per chi ha un castano spento e vuole donare giochi di luce dorati, per chi ha un biondo cenere non troppo brillante e per chi ha stratificanto così tanto l’hennè rosso da ritrovarsi troppo scura.

 

Per oggi mi fermo qui, ma se hai dubbi o curiosità ti aspetto sulle mie pagine social Instagram e Facebook.

Ti lascio anche l’articolo sulla cura quotidiana per i capelli, ti basta cliccare qui 

Grazie di cuore

Ester